Soverato – Primo manifesto di Carnevale

Guagliuni, cotrati, ziterhi, himmani e omini,

monaci, previti, cavaleri e tamarri,

pecurari, zappaturi, latri e carbineri,

paisani, forasteri, zingari e cotraschiuni,

cominciati u vi faciti venira nu spanticu,

veniti addunativi spissiati spiati,

ciangiti e riditi a secundu e comu vi snuda,

CA UN NANNU

SI STACIA SENTENDU NU GNICCHIU MALA,

li dola a panza,

ava a guallera,

quando vol’ u vacia e corpu è ‘mburatu,

e quando piscia li vruscia.

Vinnaru centu medici do spitali,

cu ducentocinquanta ‘mpermeri,

u giraru e u votaru,

li hiciaru setta pompetti,

li zziccaru quattordici pinnuli,

s’ingiuttiu vintunu sciroppi:

nenta, si senta sempra cchiù na chiavica.

A forz’u s’abbuffa da matina a la sira,

pruppetti, pruppuni, frittuli e frisulimiti,

e certi cannatuni e vinu.

E non vi cuntu de himmani…

vecchiu com’esta, non si ‘nda guarda mai.

Chi atru vaj’e dira? è nto lettu,

e ‘mbeci do medicu quasi quasi chiamamu lu previti.

Comu vacia a finira non si sapa:

vidimi si schiatta o puramenti si campa.

Stacit’attenti a li manifesti, ca vi lu facimu sapira.

carnevale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.