Solidarietà e donazione dal Leo Club all’Ospedale di Catanzaro

leo-club-catanzaro“Il fine del nostro progetto è quello di sostenere i bambini in un momento di criticità, apportando un sensibile miglioramento alla loro qualità di vita durante il loro periodo di permanenza ospedaliera”, hanno affermato i ragazzi di Leo Club Catanzaro Host e Leo Club Catanzaro “Rupe Ventosa”, i quali, in accordo col dr. Giuseppe Raiola, hanno consegnato sabato mattina un Kit per allestire e migliorare le sale del reparto di Pediatria dell’Ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro.

Raiola infatti, direttore della SOC di Pediatria, ha sempre sensibilizzato e coinvolto il mondo dell’associazionismo cittadino, i Club Service e gli imprenditori, in modo che il reparto di Pediatria potesse essere preso in custodia e “adottato” dalla città di Catanzaro, per garantire livelli alberghieri e tecnologici elevati attraverso l’istituto della donazione. Alla cerimonia di consegna hanno preso parte anche il Commissario Straordinario Domenico Pingitore e altre autorità. L’iniziativa, intitolata “Leo4Children”, ha fatto emergere, oltre alla solidarietà e alla benevolenza delle associazioni per il mondo della sanità e soprattutto per i più piccoli, una significativa sinergia tra i giovani dei due Leo cittadini, rappresentati dagli attivissimi Andrea Scarpino, di Catanzaro Host, e Antonio Mazza, di Rupe Ventosa, i quali hanno cercato con di apportare dei miglioramenti nei suddetti reparti, migliorandone le sale ricreative e la vivibilità. Ad oggi, il bilancio complessivo delle iniziative può definirsi più che positivo, in quanto ne sono state realizzate parecchie, tutte finalizzate a donazioni a questo delicato reparto.

Tra i vari obiettivi di questo importante progetto vi è stata proprio la volontà di far conoscere alla comunità ed alle famiglie le esigenze e le problematiche del bambino ospedalizzato, evidenziando quanto sia importante che la permanenza ospedaliera si svolga in un ambiente caldo e confortevole che faccia sentire a proprio agio il piccolo paziente ricoverato. Ogni singola sala ricreativa è stata pertanto allestita sulla scorta delle esigenze evidenziate dai direttori e dal personale adibito all’attività ludico-didattica di reparto. Il dottor Raiola ha espresso, insomma, un grande apprezzamento per i giovani Leo che, con la loro attività e le loro iniziative, dimostrano di aver colto il valore della solidarietà, facendo confidare in un prossimo futuro, che li vedrà classe dirigente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.