Da Soverato e Palermiti in pullman e moto alla scoperta di paesi sconosciuti di Calabria

Umbriatico CattedraleIn moto, in macchina, in pullman da Soverato e Palermiti per visitare un luogo completamente fuori dai circuiti turistici della Calabria: Umbriatico, borgo medievale fortificato della provincia di Crotone situato sulle ultime pendici presilane che conserva da secoli tesori di inestimabile valore finora rimasti pressochè sconosciuti. Ad accogliere il gruppo – formato da una settantina di persone con a capo lo storico Giuseppe Pisano, autore di un testo dal titolo “Ombre Templari a Umbriatico” – è stata l’Accademia Templare di Cirò Marina con il suo direttore Enzo Valente. In questo suggestivo borgo non sono d’altronde pochi gli indizi che fanno pensare ad una possibile presenza dei cavalieri templari. Nella chiesa-fortezza di San Donato, costruita sopra una sorgente d’acqua, sono presenti reliquari contenenti la Sacra Spina e il Chiodo di Gesù; frammenti della veste di Gesù, del sacro Velo della Santa Vergine, del Sacro Legno e della Colonna della Flagellazione. Di queste sacre reliquie, giunte a Umbriatico per opera del crociato Jacobus de Juranna, già ne parlavano due personaggi importanti del ‘600: il monaco cistercense Ferdinando Ughelli ed il più grande storico calabrese di quel tempo, Giovanni Fiore da Cropani. Inoltre la tradizione parla di un tesoro nascosto sul monte Tigano, situato alla periferia del paese. Un alone di mistero poi avvolge la cripta segreta della ex cattedrale, luogo di ritrovo dei cavalieri Templari interessati agli studi di astronomia. In essa è presente una colonna tortile con le stesse caratteristiche della cappella di Rosslyn in Scozia (dalle cui basi partono otto serpenti).
11377270_1118169324865704_21582836178872198_nI visitatori giunti a Umbriatico dalla provincia di Catanzaro hanno potuto ammirare: le straordinarie reliquie dell’ex Cattedrale; lo stupendo ed enigmatico affresco della Vergine Santa della chiesa di Santa Maria; le numerose grotte eremitiche ancora presenti nel paese; il palazzo Giuranna ed altro ancora.
Un borgo quindi da visitare e appuntamenti da non perdere come quello del 25 Marzo 2016, giorno coincidente con il Venerdì Santo, in cui potrebbero verificarsi quei fenomeni già avvenuti in passato all’interno della reliquia della Sacra Spina di Gesù.
Le Sacre Spine di Andria (BA) e Umbriatico (KR) sono le uniche al mondo in cui si vedono riempirsi di sangue quando il Venerdì Santo coincide col 25 Marzo e ciò avviene mediamente due volte ogni secolo, difatti gli ultimi due episodi si sono verificati, in presenza di moltissimi fedeli e degli stessi parroci, nel 1932 e nel 2005. Dopo il 25 Marzo 2016 però se ne parlerà nel lontano 2157. Un evento quindi da preparare a dovere (così come si sta facendo ad Andria già da tempo) in quanto è previsto per quella data un afflusso enorme di gente proveniente da tutta la Calabria e non solo.
Umbriatico, dicono tutti a gran voce, meriterebbe d’essere valorizzato ed è per questo che -con grande gesto altruistico meritevole di ogni apprezzamento – i partecipanti a questa gita del 2 Giugno scorso hanno voluto farsi fotografare con uno striscione con scritto: “Presidente Oliverio valorizziamo insieme Umbriatico”. E’ si spera che, almeno per una volta, si faccia qualcosa per questo borgo medievale meritevole di grande attenzione.

Umbriatico foto gruppo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.